venerdì 25 gennaio 2013

Ruzzle Mania!!

Ebbene oggi l'argomento è proprio di grandissima attualità perchè parliamo di Ruzzle.
Bubu, Cicciodu, Cicciobombo, Reo, Tontolo...vi chiederete “ma chi sono questi tizi?”.
Questi tizi con questi nomi insoliti sono persone comuni, operai, impiegate, maestre, casalinghe e manager che una mattina si sono svegliati ed hanno incontrato Ruzzle sulla loro strada.
Alcuni di voi si chiederanno che cos è questo Ruzzle?
Ruzzle è un'applicazione per smartphone che fa impazzire tutti, un riquadro 4x4 con lettere con cui comporre più parole possibili.
Quello che ha di buono questo semplice gioco è che si può gareggiare con amici ma anche con perfetti sconosciuti.
Cosa dire, che questo sia un piccolo ritorno alla semplicità? Ai piccoli ma divertenti giochi di una volta?
Quello che mi ha stupito favorevolmente è stato confrontarmi con colleghi dai 20 ai 50 anni che si sono presentati a me proprio come Bubu, Cicciobombo, Tontolo ed altri nomi bizzarri scatenati dalla voluta e non voluta fantasia in che ci ha ispirato questo nuovo gioco!
Insomma, cosa dirvi? A me Ruzzle piace...mi piacciono queste piccole e simpatiche dispute tra colleghi e amici e spero che dia alle persone un argomento di conversazione in questo quotidiano che a volte perde smalto e ci porta a parlare nostro malgrado sempre delle stesse cose.

giovedì 24 gennaio 2013

Biscotti alla cannella

Cari amici, 
come ho già detto nel mio commento la cannella è una spezia che amo particolarmente e proprio per questo motivo ho deciso di intitolare in questo modo il mio blog.
Anche se la cucina è una delle mie più grandi passioni in questo blog non parleremo solo e sempre di cucina ma un po' di tutte le sfaccettature della nostra vita.
Per ora per tener ancora fede al mio titolo vi dedico la ricettina semplice semplice dei biscotti alla cannella, sono sicura che se proverete a cucinarli il profumo che si sprigionerà nella vostra casa sarà talmente dolce da farvi venire l'acquolina!

Dosi per 6 persone
 
Ingredienti
150 gr. di burro, 150 gr. di zucchero, 4 tuorli, 350 gr. di farina, un cucchiaio di cannella in polvere, sale quanto basta, zucchero a velo da spolverare.

Preparazione:

Mescolare il burro ammorbidito con lo zucchero, lavorandolo come una crema; unire a questi i tuorli, la farina, la cannella. Impastare bene il tutto e far riposare in freezer per mezz'ora avvolto nella pellicola; poi stenderlo abbastanza spesso ricavando, con l'aiuto di stampini, tanti biscotti. Cuocere i biscottini alla cannella in forno a 180° per circa 10 minuti. Farli raffreddare e servirli, volendo decorando con semplice zucchero a velo oppure con una glassa.

mercoledì 16 gennaio 2013

Vi presento la cannella!

La cannella Cinnamomum zeylanicum, detta anche Cinnamomum verum è un piccolo albero sempreverde alto circa 10–15 m, della famiglia delle Lauraceae. Le foglie sono opposte, di forma ovale e allungata, possono raggiungere i 18 cm di lunghezza e i 5 cm di larghezza. I fiori, bianchi, sono riuniti in infiorescenze. Il frutto è una drupa che contiene un seme privo di albume.

La pianta è nativa dello Sri Lanka, ma è stata introdotta in diversi paesi tropicali, quali il Madagascar, Malaysia e Antille. Viene prodotta anche in Vietnam, Sumatra e in Indonesia.

La cannella vanta una storia millenaria: era già citata nella Bibbia, nel libro dell'Esodo, era usata dagli antichi Egizi per le imbalsamazioni e citata anche nel mondo greco e latino. Importata in occidente con le carovane durante il medioevo, portò gli Olandesi a impiantare un traffico stabile con lo Sri Lanka nella prima metà del 1600, per divenirne i principali importatori d'Europa.

Ha un aroma secco e pungente, che ricorda quello dei chiodi di garofano con una nota pepata. La cannella dello Sri Lanka ha un aroma ugualmente profumato, ma meno aspro e più dolce.
A differenza di altre droghe da cucina, la spezia non si ricava dal seme o dal frutto, bensì dal fusto e dai ramoscelli che, un volta liberati del sughero esterno e trattati, assumono il classico aspetto di una piccola pergamena color nocciola. La cannella può essere venduta in questa forma e sbriciolata al momento dell'uso, oppure essere venduta in polvere.
Esiste anche un olio essenziale di cannella, ottenuto facendo macerare la corteccia in acqua marina e poi distillando il tutto. Il liquido ambrato che se ne ricava è più frequentemente usato come principio medicamentoso che non come spezia di cucina. È costituito per circa il 90% da aldeide cinnamica.
La spezia che si ricava dalla Cinnamomum zeylanicum è la più fine e costosa. La cannella Cinnamomum cassia Nees, anch'essa della famiglia delle Lauraceae, è detta anche cassia ed ha un aroma più aspro, ma è meno costosa, per cui è frequente.